Il Radon: precursore dei terremoti?

Prima di tutto cerchiamo di capire cosa è il Radon. Questo elemento fa parte della tavola periodica e viene indicato tra i gas nobili ( quei gas che non dovrebbero riuscire ad interagire con gli altri atomi perché non hanno elettroni di valenza), è inodore ed incolore.

Per natura il Radon ha parecchi isotopi radiattivi e per questo viene catalogato tra gli elementi radiattivi. Di solito i gas nobili non riescono ad avere legami con altri elementi, se non debolissimi e anche instabili. Il Radon non fa eccezione, infatti forma legami con il Fluoro che si chiama fluoruro di radon. Un’altra sua caratteristica è la sua solubilità in acqua.

Come sappiamo è molto nocivo per la salute; infatti, può causare diversi tumori e anche altre malattie se sono presenti ad alte concentrazioni. Tuttavia il Radon ha diversi utilizzi importanti, uno di questi, se non il più importante, a mio avviso, è il suo utilizzo nella Radioterapia contro i tumori. Può sembrare un contro senso, ma è così.

Anche nell’ambito della sismologia è importante; infatti, secondo alcune ricerca fatte da diversi ricercatori in tutto il mondo e anche da un tecnico qui in Italia, sembra che i terremoti si possano prevedere, calcolando la concentrazione presente nel sottosuolo di questo gas. Ma al momento non si hanno conferme della scienza ufficiale.

Sperando che la scienza prenda seriamente in considerazione anche questa ipotesi, così da prevenire altri terremoti come quello dell’Aquila costato la vita a più di 290 persone e ancora non sembra sia la stima finale.

Ricordiamo, che la famiglia di questo tecnico è scampata alla morte perché, secondo questi calcoli si prevedeva il terremoto proprio lì.

Lorenza Taiti